Categoria: <span>Articoli Scientifici</span>

Sintomi da Sospensione da Antidepressivi

I Sintomi da Sospensione da Antidepressivi: quali farmaci sono più coinvolti?

Un recente studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Lancet Psychiatry da un team internazionale di ricercatori guidati dal Dr. Jonathan Henssler e dal Prof. Christopher Baethge dell’Università di Colonia ha esaminato in modo approfondito l’incidenza dei sintomi da sospensione da antidepressivi, tra cui gli SSRI, SNRI e gli Antidepressivi di prima generazione.

Questa revisione sistematica e meta-analisi rappresenta un importante passo avanti nella comprensione di questo fenomeno clinico sempre più rilevante per i pazienti.

Scopo dello Studio: i Sintomi da Sospensione da Antidepressivi

Lo scopo principale della ricerca era di quantificare l’incidenza dei sintomi da sospensione sia dopo l’interruzione di farmaci antidepressivi che di placebo, colmando una lacuna nella letteratura scientifica.

Cos’è la Sindrome da Sospensione da Antidepressivi?
La sindrome da sospensione da SSRI (Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina) è un insieme di sintomi che possono verificarsi dopo l’interruzione brusca o la riduzione rapida della dose di questi farmaci.
I sintomi possono variare in intensità e durata, ma tipicamente includono: ansia, depressione, irritabilità, confusione, disturbi del sonno, vertigini, mal di testa, tremori, sensazioni di “scosse elettriche” o formicolio, nausea, vomito, diarrea, fatica, sudorazione, sintomi simil-influenzali.

Avere stime affidabili è infatti cruciale per informare correttamente pazienti e medici nel processo di sospensione del trattamento e per guidare la ricerca futura in questo ambito.

Materiali e Metodi

Gli autori hanno condotto una revisione sistematica della letteratura, ricercando studi rilevanti nei principali database biomedici (Medline, EMBASE e CENTRAL) dalla loro nascita fino all’ottobre 2022.

Cosa sono i database biomedici
I database biomedici come Medline, EMBASE e CENTRAL sono risorse cruciali per la ricerca medica e scientifica. Medline è uno dei database biomedici più grandi e utilizzati al mondo, gestito dalla National Library of Medicine (NLM) degli Stati Uniti. EMBASE è un database biomedico gestito da Elsevier. È particolarmente forte nella copertura della letteratura europea e farmaceutica, includendo anche molti articoli non presenti in Medline. CENTRAL è un database gestito dalla Cochrane Collaboration che raccoglie riferimenti di studi clinici randomizzati e controllati (RCTs) da varie fonti

Sono stati inclusi studi su pazienti con qualsiasi disturbo mentale, comportamentale o del neurosviluppo in trattamento con antidepressivi (esclusi antipsicotici, litio e tiroxina), mentre sono stati esclusi studi su neonati e su pazienti trattati per condizioni fisiche come sindromi dolorose da malattie organiche.

Analisi Statistiche

Dopo un’attenta selezione, due revisori indipendenti hanno estratto i dati degli studi inclusi e valutato il rischio di bias. I dati sono stati poi combinati attraverso meta-analisi con modelli ad effetti casuali.

L’outcome primario era quantificare l’incidenza dei sintomi da sospensione dopo interruzione di antidepressivi o placebo. Sono state anche analizzate le incidenze di sintomi severi. Analisi di sensibilità e meta-regressioni hanno esplorato l’impatto di variabili metodologiche.

Cos’è l’Outcome primario?
L’outcome primario di uno studio di ricerca è il principale risultato che i ricercatori intendono misurare per rispondere alla domanda di ricerca o verificare l’ipotesi principale dello studio. È l’endpoint più importante tra quelli valutati nello studio e rappresenta l’obiettivo centrale della ricerca.

Risultati

Dai 6095 articoli inizialmente individuati, 79 studi (44 RCT e 35 osservazionali) con un totale di 21.002 pazienti sono stati inclusi. Di questi, 16.532 sospendevano un antidepressivo e 4470 un placebo. L’età media era di 45 anni e il 72% erano donne.

  • L’incidenza di almeno un sintomo da sospensione è risultata del 31% (IC 95% 27-35%) in 62 gruppi di studio dopo interruzione di antidepressivi, e del 17% (14-21%) in 22 gruppi dopo interruzione del placebo. Tra i gruppi antidepressivo e placebo degli RCT inclusi nella revisione la differenza di incidenza è stata dell’8% (4-12%)
  • L’incidenza di sintomi severi era del 2.8% dopo sospensione di antidepressivi contro lo 0.6% dopo sospensione di placebo.
  • Desvenlafaxina, venlafaxina, imipramina ed escitalopram erano associati a maggiori frequenze di sintomi.
  • Imipramina, paroxetina e desvenlafaxina/venlafaxina erano associati a maggiore severità.

Discussione dei Risultati

Considerando gli effetti aspecifici evidenziati nei gruppi placebo, l’incidenza reale di sintomi da sospensione di antidepressivi può essere stimata intorno al 15%, riguardando circa 1 paziente su 6-7 che interrompe la terapia.

I risultati indicano comunque che una quota clinicamente rilevante di pazienti va incontro a sintomi da sospensione, in alcuni casi gravi.

Servono particolare cautela e monitoraggio nel sospendere antidepressivi come imipramina, paroxetina, venlafaxina e desvenlafaxina.

Conclusioni

In conclusione, i dati rafforzano la necessità di informare e seguire attentamente i pazienti che interrompono gli antidepressivi, senza però creare eccessivi allarmismi.

Ulteriori ricerche dovranno chiarire i fattori predittivi individuali di risposta e ricaduta e le strategie per favorire una sospensione graduale e personalizzata della terapia.

Fonte:

Henssler J, Schmidt Y, Schmidt U, Schwarzer G, Bschor T, Baethge C. Incidence of antidepressant discontinuation symptoms: a systematic review and meta-analysis. Lancet Psychiatry. 2024 Jul;11(7):526-535.

Ti potrebbero interessare
Biotipo Cognitivo di Depressione: Una Nuova Prospettiva

Scopri il biotipo cognitivo di depressione, una nuova categoria di depressione identificata da ricercatori della Stanford University. Impara sui sintomi, Leggi...

Zuranolone: Una Nuova Speranza per il Trattamento della Depressione Post-Partum

Scopri il potenziale di zuranolone, un nuovo trattamento per la depressione post-partum. Uno studio in doppio cieco rivela risultati promettenti Leggi...

Antidepressivo più Efficace e Tollerabile

Scopri l'analisi comparativa di efficacia e tollerabilità di 21 antidepressivi nel trattamento del disturbo depressivo maggiore negli adulti, in uno Leggi...

Antidepressivo più Efficace e Tollerabile

L’Antidepressivo più Efficace: uno studio comparativo di network analysis

Nel panorama attuale della salute mentale, l’efficacia degli antidepressivi nel trattamento del disturbo depressivo maggiore è un argomento di grande dibattito. Recentemente, un gruppo di ricerca guidato da Andrea Cipriani ha pubblicato sulla rivista scientifica Lancet un’analisi sistematica e meta-analitica, fornendo nuove intuizioni sulla comparazione dell’efficacia e dell’accettabilità di vari antidepressivi.

Metodo dello studio

Lo studio di Cipriani e Altri ha utilizzato un approccio di “network meta-analysis” (meta-analisi di rete) per analizzare dati provenienti da 522 trial clinici randomizzati in doppio cieco, che includevano complessivamente 116.477 partecipanti. Gli studi hanno confrontato 21 antidepressivi e placebo per il trattamento acuto di adulti con disturbo depressivo maggiore.

La ricerca ha incluso dati sia pubblicati che non pubblicati, assicurando un’analisi completa e priva di pregiudizi.

Per garantire la massima precisione, sono stati inclusi solo trial controllati randomizzati in doppio cieco. Inoltre, lo studio ha preso in considerazione una vasta gamma di antidepressivi, sia di prima che di seconda generazione, inclusi farmaci come l’agomelatina, la fluoxetina e l’escitalopram.

I criteri di inclusione erano rigorosi: solo studi su adulti con un disturbo depressivo maggiore diagnosticato secondo criteri standardizzati sono stati presi in considerazione. Studi con pazienti affetti da depressione bipolare, depressione psicotica o depressione resistente al trattamento sono stati esclusi.

Analisi statistica

L’analisi dei dati è stata effettuata utilizzando la tecnica di meta-analisi di rete, che permette di comparare direttamente e indirettamente gli antidepressivi. Questo metodo ha reso possibile la valutazione dell’efficacia relativa di ciascun farmaco.

Cosa è uno studio di “Network Meta-Analysis”
Uno studio di “Network Meta-Analysis” (NMA), noto anche come meta-analisi a rete o meta-analisi indiretta, è un metodo statistico avanzato utilizzato per confrontare e sintetizzare i risultati di diversi studi clinici. Questo tipo di analisi è particolarmente utile quando si vogliono confrontare più trattamenti, alcuni dei quali potrebbero non essere stati confrontati direttamente tra loro nei singoli studi.

I risultati principali misurati erano l’efficacia (tasso di risposta) e l’accettabilità (tasso di interruzione del trattamento). Inoltre, sono state considerate altre misure come il punteggio di depressione al termine dello studio, il tasso di remissione e i drop-out a causa di eventi avversi.

Risultati

La ricerca ha incluso un’analisi di 21 antidepressivi diversi: Amitriptilina, Agomelatina, Citalopram, Clomipramina, Duloxetina, Escitalopram, Fluoxetina, Fluvoxamina, Levomilnacipran, Milnacipran, Mirtazapina, Nefazodone, Paroxetina, Reboxetina, Sertralina, Trazodone, Venlafaxina, Vilazodone, Vortioxetina, Bupropione, Trazodone.

Questi antidepressivi sono stati inclusi nello studio per la loro analisi comparativa di efficacia e accettabilità nel trattamento del disturbo depressivo maggiore negli adulti.

L’Antidepressivo più Efficace

Secondo lo studio di Cipriani et al., tutti gli antidepressivi testati si sono dimostrati più efficaci del placebo nel trattamento degli adulti con disturbo depressivo maggiore. Tuttavia, è emersa una variabilità significativa tra i vari farmaci.

Gli odds ratio (OR) per l’efficacia variavano da 2,13 (intervallo di credibilità al 95% [CrI] 1,89–2,41) per l’amitriptilina a 1,37 (1,16–1,63) per la reboxetina.

  • Farmaci come agomelatina, amitriptilina, escitalopram, mirtazapina, paroxetina, venlafaxina e vortioxetina sono risultati più efficaci di altri antidepressivi.
  • Fluoxetina, fluvoxamina, reboxetina e trazodone hanno mostrato la minore efficacia.
Cos’è l’Odds Ratio (OR)
L'”Odds Ratio” (OR) è un termine statistico usato per descrivere il rapporto tra le probabilità di un evento in due diversi gruppi. È comunemente utilizzato in studi osservazionali, come quelli in epidemiologia e ricerca sociale, per quantificare la forza di associazione tra un’esposizione (come un fattore di rischio o un trattamento) e un esito (come una malattia o un risultato di salute).

L’Odds Ratio confronta gli odds di un evento tra due gruppi. Se gli odds di malattia nel gruppo esposto (ad es., fumatori) sono di 0.30 e nel gruppo non esposto (non fumatori) sono di 0.10, l’OR è 3 (0.30/0.10).

Tollerabilità

In particolare, molecole come l’agomelatina e la fluoxetina hanno mostrato tassi di abbandono del trattamento significativamente inferiori rispetto al placebo. Clomipramina ha mostrato una peggiore accettabilità rispetto al placebo.

  • Agomelatina, citalopram, escitalopram, fluoxetina, sertralina e vortioxetina sono risultati più tollerabili rispetto ad altri antidepressivi.
  • Amitriptilina, clomipramina, duloxetina, fluvoxamina, reboxetina, trazodone e venlafaxina hanno mostrato i tassi più alti di abbandono del trattamento.

Serotonina e Noradrenalina: La Combinazione Vincente

Il team di Cipriani ha osservato che gli antidepressivi che agiscono sia sui sistemi serotonergici che noradrenergici tendono ad essere più efficaci rispetto a quelli che influenzano selettivamente la serotonina.

Conclusioni

In conclusione, lo studio di Andrea Cipriani e il suo team apre nuove strade nella comprensione dell’efficacia degli antidepressivi. Questo studio fornisce una base di evidenza aggiornata e ampia per guidare la scelta del trattamento farmacologico per adulti con disturbo depressivo maggiore acuto.

La scelta del farmaco più adatto deve basarsi su una valutazione approfondita dell’efficacia, della tollerabilità e delle preferenze del paziente.

Questa meta-analisi fornisce dati cruciali che possono guidare i medici verso scelte terapeutiche più informate e personalizzate.

Fonte:

Cipriani A, Furukawa TA, Salanti G, Chaimani A, Atkinson LZ, Ogawa Y, Leucht S, Ruhe HG, Turner EH, Higgins JPT, Egger M, Takeshima N, Hayasaka Y, Imai H, Shinohara K, Tajika A, Ioannidis JPA, Geddes JR. Comparative efficacy and acceptability of 21 antidepressant drugs for the acute treatment of adults with major depressive disorder: a systematic review and network meta-analysis. Lancet. 2018 Apr 7;391(10128):1357-1366.

Ti potrebbero interessare
Verso una psichiatria di precisione nel disturbo bipolare

Il futuro della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare, offre una prospettiva rivoluzionaria sulla cura di questa complessa condizione

Intelligenza Artificiale per la Salute Mentale

L'IA e Salute Mentale, se applicata alla medicina ha il potenziale di migliorare l'efficienza, la precisione e l'accessibilità dell'assistenza sanitaria, Leggi...

Implicazioni etiche dell’Intelligenza Artificiale nella Salute Mentale

Questo articolo discute le implicazioni etiche e sociali delle applicazioni di Intelligenza Artificiale applicata alla salute mentale, tra cui Psichiatria, Leggi...

Zuranolone: Una Nuova Speranza per il Trattamento della Depressione Post-Partum

La depressione post-partum (PPD) è una complicazione perinatale comune che può avere gravi conseguenze sia per la madre che per il neonato. Ma una recente ricerca pubblicata sul prestigioso American Journal of Psychiatry potrebbe offrire una nuova speranza alle donne che soffrono di questa condizione.

Lo studio sul Zuranolone

Lo studio, guidato dalla Dr.ssa Kristina M Deligiannidis e dal suo team, ha esaminato l’efficacia e la sicurezza di zuranolone, un modulatore allosterico positivo dei recettori GABA-A sinaptici ed extrasinaptici e uno steroide neuroattivo.

Questo farmaco, somministrato per via orale una volta al giorno per 14 giorni, potrebbe rappresentare una svolta nel trattamento della PPD severa.

Cos’è un modulatore dei recettori GABA-A?
I recettori GABA sono delle “porte” o “interruttori” presenti sulle cellule del nostro cervello. Quando vengono attivati, di solito hanno un effetto calmante o inibitorio sulle cellule cerebrali, aiutando a ridurre l’attività elettrica nel cervello.
Pensate a un interruttore con una piccola levetta di regolazione sul lato. Mentre l’interruttore principale può accendere o spegnere una luce, la levetta di regolazione può rendere la luce più luminosa o più tenue senza spegnerla del tutto.
Un modulatore allosterico funziona in modo simile: non attiva o disattiva direttamente il recettore (l’interruttore), ma ne modifica la risposta.

Metodologia di ricerca

La metodologia dello studio era doppio cieco di fase 3 in cui donne con PPD severa sono state randomizzate per ricevere zuranolone o un placebo per 14 giorni. L’obiettivo principale era osservare il cambiamento nel punteggio totale sulla scala di valutazione della depressione di Hamilton (HAM-D) al giorno 15, come standard internazionale nella misurazione della depressione in condizioni sperimentali.

Cos’è uno studio in doppio Cieco?
Uno studio in “doppio cieco” è un metodo di ricerca scientifica progettato per eliminare il più possibile i pregiudizi e le aspettative sia dei partecipanti che degli sperimentatori.
In pratica, in uno studio in doppio cieco, le medicine o i trattamenti vengono solitamente codificati in modo che né i partecipanti né gli sperimentatori sappiano cosa stanno somministrando o ricevendo fino alla fine dello studio. Solo dopo che i dati sono stati raccolti, il “codice” viene rivelato e i ricercatori possono determinare quali partecipanti hanno ricevuto il trattamento vero e proprio e quali hanno ricevuto il placebo.
Questo tipo di studio è considerato lo standard nella ricerca clinica perché aiuta a garantire che i risultati siano il più obiettivi e accurati possibile.

Risultati dello studio

I risultati sono stati promettenti. Tra le 196 pazienti arruolate, 170 hanno completato lo studio di 45 giorni. Il trattamento con zuranolone ha mostrato un miglioramento statisticamente significativo dei sintomi depressivi al giorno 15 rispetto al placebo. Ancora più impressionante, sono stati osservati miglioramenti significativi anche ai giorni 3, 28 e 45.

Ma cosa significa tutto ciò per le donne che soffrono di PPD?

Significa che c’è una potenziale nuova opzione di trattamento in vista. E non solo: zuranolone ha mostrato effetti collaterali minimi, con i più comuni che includono sonnolenza, vertigini e sedazione.

Importante notare che non sono stati osservati sintomi di astinenza, perdita di coscienza o aumento dell’ideazione o comportamento suicidario.

Conclusioni

In conclusione, lo studio suggerisce che zuranolone potrebbe rappresentare un trattamento orale innovativo e ad azione rapida per la PPD. Questa ricerca, pubblicata su una delle riviste mediche più autorevoli, sottolinea l’importanza di continuare a cercare nuove soluzioni per affrontare le sfide della salute mentale materna.

Per le donne che soffrono di PPD, e per le loro famiglie, queste scoperte potrebbero rappresentare una luce alla fine del tunnel.

Fonte:

Deligiannidis KM, Meltzer-Brody S, Maximos B, Peeper EQ, Freeman M, Lasser R, Bullock A, Kotecha M, Li S, Forrestal F, Rana N, Garcia M, Leclair B, Doherty J. Zuranolone for the Treatment of Postpartum Depression. Am J Psychiatry. 2023 Jul 26:appiajp20220785. doi: 10.1176/appi.ajp.20220785. Epub ahead of print. PMID: 37491938.

Ti potrebbero interessare
Verso una psichiatria di precisione nel disturbo bipolare

Il futuro della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare, offre una prospettiva rivoluzionaria sulla cura di questa complessa condizione

Intelligenza Artificiale per la Salute Mentale

L'IA e Salute Mentale, se applicata alla medicina ha il potenziale di migliorare l'efficienza, la precisione e l'accessibilità dell'assistenza sanitaria, Leggi...

Implicazioni etiche dell’Intelligenza Artificiale nella Salute Mentale

Questo articolo discute le implicazioni etiche e sociali delle applicazioni di Intelligenza Artificiale applicata alla salute mentale, tra cui Psichiatria, Leggi...

Biotipo Cognitivo di Depressione: Una Nuova Prospettiva

La depressione è una condizione che affligge milioni di persone in tutto il mondo, con sintomi che possono variare notevolmente da individuo a individuo. Recentemente, un team di ricerca della Stanford University ha fatto una scoperta rivoluzionaria nel campo della psichiatria.

Gli scienziati, guidati dal Dr. Leanne Williams, hanno identificato una nuova categoria di depressione, denominata “biotipo cognitivo”. Questa forma di depressione, che rappresenta il 27% dei casi, si manifesta con sintomi specifici come difficoltà nella pianificazione, nell’autocontrollo e nella concentrazione.

Questi risultati, pubblicati nel prestigioso Journal of the American Medical Association (JAMA) Network Open, rappresentano un passo avanti significativo nella comprensione e nel trattamento della depressione.

Cos’è il Biotipo Cognitivo di Depressione?

Il Biotipo Cognitivo di Depressione è una forma di depressione che si distingue per una serie di sintomi cognitivi specifici. Questi includono difficoltà nella pianificazione, nell’autocontrollo, nella concentrazione e nell’assunzione di comportamenti appropriati.

  • Ad esempio, un individuo con questo tipo di depressione potrebbe avere problemi a organizzare il proprio tempo, a prendere decisioni, a mantenere la concentrazione su un compito o a regolare le proprie reazioni emotive.

Questi sintomi cognitivi possono avere un impatto significativo sulla vita quotidiana di un individuo.

  • Ad esempio, la difficoltà nella pianificazione e l’autocontrollo possono rendere difficile per l’individuo gestire le responsabilità lavorative o scolastiche.

La mancanza di concentrazione può rendere difficile l’apprendimento o la realizzazione di compiti che richiedono attenzione sostenuta. Inoltre, la difficoltà nell’assumere comportamenti appropriati può portare a problemi nelle relazioni interpersonali.

È importante notare che, mentre questi sintomi possono essere presenti in molte forme di depressione, nel Biotipo Cognitivo di Depressione essi sono particolarmente pronunciati e persistenti. Questo può rendere questa forma di depressione particolarmente debilitante per coloro che ne soffrono.

Tuttavia, la comprensione e l’identificazione di questo biotipo specifico di depressione rappresentano un passo importante verso lo sviluppo di trattamenti più efficaci e personalizzati.

Come viene Diagnosticato il Biotipo Cognitivo di Depressione?

La diagnosi del biotipo cognitivo di depressione si basa su una serie di test cognitivi che valutano la memoria verbale, la memoria di lavoro, la velocità decisionale e l’attenzione sostenuta.

Inoltre, la risonanza magnetica funzionale (fMRI) può essere utilizzata per osservare l’attività cerebrale durante l’esecuzione di questi test. In particolare, i pazienti con biotipo cognitivo di depressione mostrano un’attività ridotta in due regioni del cervello coinvolte in queste funzioni cognitive.

Quali sono le Opzioni di Trattamento per il Biotipo Cognitivo di Depressione?

Il trattamento del biotipo cognitivo di depressione può essere una sfida, in quanto i pazienti con questa forma di depressione tendono a rispondere meno efficacemente agli antidepressivi comunemente prescritti, che prendono di mira la serotonina.

Tuttavia, prendere di mira le disfunzioni cognitive può aiutare ad alleviare i sintomi della depressione e a ripristinare le capacità sociali e lavorative.

Questo può includere terapie come la terapia cognitivo-comportamentale, che aiuta i pazienti a identificare e cambiare i modelli di pensiero negativi che possono contribuire alla depressione.

Conclusione

La scoperta del biotipo cognitivo di depressione rappresenta un passo importante verso una comprensione più profonda e personalizzata della depressione.

Questa nuova categoria di depressione sottolinea l’importanza di considerare non solo i sintomi emotivi, ma anche i sintomi cognitivi nella diagnosi e nel trattamento della depressione.

Mentre la ricerca continua, è fondamentale che i professionisti della salute mentale siano consapevoli di questa forma di depressione e delle sue implicazioni per il trattamento.

Fonte

Hack LM, Tozzi L, Zenteno S, et al. A Cognitive Biotype of Depression Linking Symptoms, Behavior Measures, Neural Circuits, and Differential Treatment Outcomes: A Prespecified Secondary Analysis of a Randomized Clinical Trial. JAMA Netw Open. 2023;6(6):e2318411.

Ti potrebbero interessare
Verso una psichiatria di precisione nel disturbo bipolare

Il futuro della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare, offre una prospettiva rivoluzionaria sulla cura di questa complessa condizione

La depressione può essere un sintomo di altri problemi di salute mentale?

La depressione può essere parte di diversi problemi di salute mentale, come: disturbo bipolaredisturbo borderline di personalità (BPD) e altri Leggi...

Trattamento farmacologico della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e dell’onicofagia

Una revisione del trattamento della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e della onicofagia

Verso una psichiatria di precisione nel disturbo bipolare

Nell’articolo scientifico intitolato “Toward Precision Psychiatry in Bipolar Disorder: Staging 2.0”, pubblicato su Frontiers in Psychiatry, si esplora l’innovativo campo della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare.

Questo studio, condotto da un team internazionale di ricercatori provenienti da prestigiosi istituti come l’Hospital Clinic di Barcellona, l’Università di Melbourne, l’Orygen, il National Centre of Excellence in Youth Mental Health e l’Universidade Federal do Rio Grande do Sul, tra gli altri, offre una prospettiva rivoluzionaria sulla cura del disturbo bipolare.

L’avvento della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare rappresenta uno sviluppo trasformativo nella cura della salute mentale. Questo nuovo approccio offre un’opportunità unica per affrontare il peso del disturbo bipolare, una malattia mentale che colpisce milioni di persone in tutto il mondo.

Cosa è la Psichiatria di Precisione?
La psichiatria di precisione è un approccio emergente nel campo della salute mentale che mira a personalizzare il trattamento dei disturbi psichiatrici. Questo approccio si basa sull’integrazione di diverse fonti di informazioni, tra cui dati clinici, genetici, molecolari e ambientali, per definire con precisione le caratteristiche individuali di un paziente.
L’obiettivo della psichiatria di precisione è di fornire il trattamento più appropriato e efficace per ogni individuo, tenendo conto delle sue specifiche caratteristiche e necessità. Questo può includere la selezione dei farmaci più adatti, l’identificazione del momento più opportuno per l’intervento e la personalizzazione delle strategie terapeutiche.

Un nuovo paradigma classificatorio dei pazienti

L’articolo evidenzia come i recenti progressi nella psichiatria e nella tecnologia abbiano permesso di individuare marcatori molecolari e genetici che possono aiutare nella diagnosi e nel trattamento del disturbo bipolare.

Questi progressi stanno trasformando gli attuali modelli di ‘stadiazione’, che classificano i pazienti psichiatrici in base alla presentazione clinica di una determinata diagnosi, al decorso e alla gravità della malattia, in modelli di ‘stadiazione di precisione’ esattamente come accade già oggi in oncologia.

Questi ultimi integrano più livelli di informazioni per definire con maggiore precisione le caratteristiche, la gravità e la prognosi di ogni paziente.

Cosa è il Disturbo Bipolare dell’Umore
Il disturbo bipolare, precedentemente noto come depressione maniacale, è un disturbo mentale che causa variazioni estreme dell’umore, dell’energia e dei livelli di attività. Queste variazioni possono influenzare la capacità di una persona di svolgere le attività quotidiane. Gli individui con disturbo bipolare sperimentano episodi di euforia o irritabilità (noti come episodi maniacali) alternati a episodi di depressione.
Il disturbo bipolare è una condizione a lungo termine che richiede una gestione continua. Il trattamento può includere una combinazione di farmaci e psicoterapia. L’obiettivo del trattamento è di gestire e ridurre i sintomi e di aiutare gli individui a gestire e a vivere con la loro condizione.

Psichiatria di Precisione e Disturbo Bipolare

L’importanza della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare è sottolineata dai potenziali rischi associati alla malattia. Il disturbo bipolare è associato a un rischio più elevato di suicidio e di altre malattie mentali, sottolineando la necessità di un approccio terapeutico efficace e personalizzato.

Il futuro della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare è promettente. Grazie alle ricerche in corso e ai progressi tecnologici, potremmo presto essere in grado di offrire un approccio terapeutico più personalizzato ed efficace alle persone affette da disturbo bipolare. Questo progresso nella psichiatria ha il potenziale per trasformare la vita delle persone affette da questo disturbo, offrendo un nuovo livello di assistenza e supporto.

Conclusioni

In conclusione, la psichiatria di precisione nel disturbo bipolare è un approccio nuovo e promettente che integra più livelli di informazione per fornire cure personalizzate ed efficaci.

Continuando a fare progressi in questo campo, potremmo presto essere in grado di trasformare la vita delle persone affette da disturbo bipolare.

Fonte:

Salagre E, Dodd S, Aedo A, Rosa A, Amoretti S, Pinzon J, Reinares M, Berk M, Kapczinski FP, Vieta E, Grande I. Toward Precision Psychiatry in Bipolar Disorder: Staging 2.0. Front Psychiatry. 2018 Nov 29;9:641.

Ti potrebbero interessare
Microbioma intestinale e depressione

l microbioma intestinale è un insieme di microorganismi che vivono all'interno del tratto digestivo umano. È stato dimostrato che questi Leggi...

La depressione può essere un sintomo di altri problemi di salute mentale?

La depressione può essere parte di diversi problemi di salute mentale, come: disturbo bipolaredisturbo borderline di personalità (BPD) e altri Leggi...

Implicazioni etiche dell’Intelligenza Artificiale nella Salute Mentale

Questo articolo discute le implicazioni etiche e sociali delle applicazioni di Intelligenza Artificiale applicata alla salute mentale, tra cui Psichiatria, Leggi...

Daridorexant

Daridorexant nel trattamento dell’insonnia: due revisioni sistematiche e meta-analisi

Daridorexant è un nuovo antagonista duale del recettore dell’orexina utilizzato nel trattamento del disturbo dell’insonnia cronica. Due recenti meta-analisi hanno valutato l’efficacia e la sicurezza di questo farmaco nel trattamento dell’insonnia cronica, evidenziando risultati interessanti.

Daridorexant è il primo antagonista duale del recettore dell’orexina ad essere approvato per il trattamento dell’insonnia cronica nell’UE e negli Stati Uniti.

Cosa è l’OREXINA?
L’orexina, nota anche come ipocretina, è un neuropeptide prodotto principalmente da un gruppo di neuroni situati nell’ipotalamo. Ci sono due tipi di orexina, orexina-A e orexina-B, che agiscono su due recettori distinti, OX1R e OX2R. L’orexina svolge un ruolo cruciale nella regolazione del sonno, della veglia e del comportamento alimentare.

Il sistema delle orexine contribuisce alla regolazione del sonno e della veglia attraverso interazioni complesse con altri sistemi neurotrasmettitori nel cervello. L’orexina promuove la veglia stimolando l’attività dei neuroni coinvolti nella promozione della veglia e dell’attenzione, come i neuroni noradrenergici, serotoninergici, istaminergici e dopaminergici.

Meta analisi

Le due meta-analisi hanno esaminato un totale di 11 studi clinici randomizzati controllati con placebo, con 4696 partecipanti coinvolti. Entrambe le analisi hanno dimostrato che il daridorexant è superiore al placebo nel migliorare la qualità del sonno. In particolare, è stato riscontrato un miglioramento nella riduzione del tempo di veglia dopo l’inizio del sonno, nella latenza del sonno persistente e nell’aumento del tempo totale di sonno.

Le dosi di 25 mg e 50 mg di daridorexant sono risultate le più efficaci nel trattamento dell’insonnia. Tuttavia, dosi di 5 e 10 mg non sono disponibili a causa della loro efficacia subottimale.

Cosa succede nel Sonno?
Durante il sonno, i livelli di orexina diminuiscono, mentre durante la veglia, i livelli di orexina aumentano. Un corretto equilibrio tra questi due stati è fondamentale per un sonno sano e un adeguato funzionamento durante il giorno. Disturbi nella produzione o nel funzionamento delle orexine possono portare a problemi di sonno, come l’insonnia o la narcolessia.

Gli antagonisti del recettore dell’orexina, come il daridorexant, agiscono bloccando l’attività delle orexine e facilitando il sonno. Questi farmaci sono stati sviluppati per trattare l’insonnia e altri disturbi del sonno, offrendo un approccio mirato e selettivo rispetto ai tradizionali farmaci per il sonno.

Sicurezza del Daridorexant

Per quanto riguarda la sicurezza, Daridorexant è stato generalmente ben tollerato. Per quanto riguarda la sicurezza, una delle due meta-analisi ha rilevato un’incidenza leggermente superiore di eventi avversi nel gruppo trattato con daridorexant rispetto al placebo, l’altra meta-analisi non ha evidenziato differenze significative negli eventi avversi tra daridorexant e placebo.

Gli eventi avversi comunemente associati ai farmaci per l’insonnia, come sonnolenza, affaticamento e vertigini, si sono verificati con una frequenza simile o leggermente maggiore con daridorexant rispetto al placebo.

Le cadute si sono verificate con una frequenza simile o inferiore con daridorexant rispetto al placebo. La maggior parte degli eventi avversi erano di gravità lieve e l’incidenza non era dose-dipendente.

L’efficacia del daridorexant si è mantenuta durante un’estensione di prova di 12 mesi, senza nuovi problemi di sicurezza o tollerabilità

Conclusioni

In conclusione, il daridorexant si è dimostrato efficace nel migliorare la qualità del sonno nei pazienti con insonnia, in particolare nelle dosi di 25 e 50 mg. Tuttavia, vi sono alcune discrepanze tra le due meta-analisi riguardo alla sicurezza del farmaco.

Ulteriori studi potrebbero essere necessari per chiarire completamente il profilo di sicurezza del daridorexant nel trattamento dell’insonnia.

Fonti:

Albadrani MS, Albadrani MS, Fadlalmola HA, Elhusein AM, Abobaker RM, Merghani MM, Gomaa SM, Abdalla AM, Alhujaily M, Omair AA, Ali Abdalla AM, Masada HK, Veerabhadra Swamy DS, Al-Sayaghi KM. Safety and efficacy of daridorexant in the treatment of insomnia: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Int Clin Psychopharmacol. 2023 Jan 1;38(1):57-65. 

Jiang F, Li H, Chen Y, Lu H, Ni J, Chen G. Daridorexant for the treatment of insomnia disorder: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Medicine (Baltimore). 2023 Feb 17;102(7):e32754

Ti potrebbero interessare
Intelligenza Artificiale per la Salute Mentale

L'IA e Salute Mentale, se applicata alla medicina ha il potenziale di migliorare l'efficienza, la precisione e l'accessibilità dell'assistenza sanitaria, Leggi...

Trattamento farmacologico della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e dell’onicofagia

Una revisione del trattamento della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e della onicofagia

I Sintomi da Sospensione da Antidepressivi: quali farmaci sono più coinvolti?

Sintomi da sospensione da antidepressivi: scopri quali farmaci sono coinvolti e l'incidenza dei sintomi secondo uno studio pubblicato su Lancet Leggi...

trattamento tricotillomania disturbo da escoriazione onicofagia

Trattamento farmacologico della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e dell’onicofagia

Questo articolo scientifico comparso su Current Neuropharmacology nel 2019 fornisce una revisione critica dell’efficacia dei farmaci utilizzati per il trattamento della tricotillomania (strappamento dei capelli o Hair-Pulling Disorder), del disturbo di escoriazione (dermatillomania o Skin-picking) e dell’onocofagia (il mangiarsi le unghie), tutti classificati in psichiatria come manifestazioni da discontrollo degli impulsi nell’area del disturbo ossessivo-compulsivo.

Cosa sono?
La tricotillomania è un disturbo del controllo degli impulsi che causa la compulsione di tirare i propri capelli.
L’onicofagia è un’altra forma di disturbo del controllo degli impulsi, in cui la persona mangia le proprie unghie.
Il disturbo da escoriazione (o dermatillomania) è un’altra forma di disturbo del controllo degli impulsi, in cui la persona tocca, gratta o strappa la propria pelle in modo compulsivo, causando danni e ferite.

Lo studio

Il lavoro scientifico spiega che esistono diversi sistemi neurotrasmettitori che interagiscono nella patofisiologia dei disturbi del controllo degli impulsi di cui queste manifestazioni fanno parte, tra cui noradrenalina, serotonina, dopamina, peptidi opioidi e glutammato, e che gli studi si sono concentrati sui farmaci in grado di agire su questi neurotrasmettitori.

La revisione ha analizzato gli studi controllati sui farmaci utilizzati per trattare questi disturbi, identificati attraverso sei database e ha rilevato che gli SSRI e la clomipramina sono considerati farmaci di prima scelta nella tricotillomania, mentre altri farmaci come la lamotrigina, l’olanzapina, la N-Acetilcisteina, l’inositolo e il naltrexone sono utilizzati anche per il trattamento di questi disturbi.

Cosa è il Naltrexone?
Il naltrexone è un farmaco che blocca gli effetti degli oppioidi nel cervello, utilizzato principalmente per il trattamento della dipendenza da oppioidi, alcolismo o nei disturbi da discontrollo degli impulsi poiché riduce la gratificazione e la sensazione di piacere derivante dall’autolesionismo.

Conclusioni

Gli autori concludono che il trattamento di questi disturbi rimane ancora piuttosto deludente e che sono necessari ulteriori studi per sviluppare approcci terapeutici più efficaci.

Tuttavia viene suggerito che la medicina personalizzata potrebbe rappresentare una soluzione per affrontare in modo più efficace questi disturbi.

Cosa è la Medicina di Precisione?
La medicina personalizzata (o medicina di precisione) è un approccio medico che utilizza informazioni genetiche, molecolari e cliniche per personalizzare la prevenzione, la diagnosi e il trattamento delle malattie in base alle specifiche caratteristiche di ciascun individuo.

In sintesi, l’articolo scientifico è importante perché fornisce informazioni utili sulla patofisiologia e sul trattamento dei disturbi del controllo degli impulsi, identificando i farmaci più efficaci e sottolineando l’importanza di ulteriori studi per sviluppare approcci terapeutici più efficaci e personalizzati.

Fonte:

Sani G, Gualtieri I, Paolini M, Bonanni L, Spinazzola E, Maggiora M, Pinzone V, Brugnoli R, Angeletti G, Girardi P, Rapinesi C, Kotzalidis GD. Drug Treatment of Trichotillomania (Hair-Pulling Disorder), Excoriation (Skin-picking) Disorder, and Nail-biting (Onychophagia). Curr Neuropharmacol. 2019;17(8):775-786.

Ti potrebbero interessare
Intelligenza Artificiale per la Salute Mentale

L'IA e Salute Mentale, se applicata alla medicina ha il potenziale di migliorare l'efficienza, la precisione e l'accessibilità dell'assistenza sanitaria, Leggi...

Implicazioni etiche dell’Intelligenza Artificiale nella Salute Mentale

Questo articolo discute le implicazioni etiche e sociali delle applicazioni di Intelligenza Artificiale applicata alla salute mentale, tra cui Psichiatria, Leggi...

Microbioma intestinale e depressione

l microbioma intestinale è un insieme di microorganismi che vivono all'interno del tratto digestivo umano. È stato dimostrato che questi Leggi...

Intelligenza Artificiale e Salute Mentale

Implicazioni etiche dell’Intelligenza Artificiale nella Salute Mentale

Questo articolo comparso nel 2019 su Journal of Medical Internet Research discute le implicazioni etiche e sociali delle applicazioni di Intelligenza Artificiale applicata alla salute mentale, tra le quali le discipline della Psichiatria, Psicologia e della Psicoterapia.

Gli autori hanno condotto una ricerca tematica in letteratura e hanno analizzato i potenziali benefici, le questioni etiche e sociali relative agli interventi.

Benefici

Uno dei potenziali benefici dell’ Intelligenza Artificiale applicata alla salute mentale è la creazione in futuro di nuove modalità di trattamento. Inoltre, queste applicazioni potranno offrire l’opportunità di coinvolgere popolazioni di pazienti altrimenti difficili da raggiungere e potranno portare a una migliore risposta e adesione ai trattamenti da parte dei pazienti.

Possibili problematiche

Tuttavia, gli autori hanno anche identificato problemi e preoccupazioni di carattere etico. Tra queste vi è:

  • la mancanza di linee guida sullo sviluppo delle applicazioni di IA, sull’integrazione con l’agire dei clinici e sulla formazione degli operatori sanitari, così come le lacune nei quadri etici e normativi nazionali.
  • il potenziale uso improprio, come l’utilizzo delle tecnologie per sostituire i servizi sanitari esistenti, che potrebbe esacerbare le disuguaglianze in campo di salute pubblica;
  • la questione della la trasparenza nell’uso degli algoritmi impiegati dalle IA.

Gli autori hanno anche discusso le sfide aperte nel campo della psichiatria e della salute mentale all’applicazione dell’Intelligenza Artificiale, tra cui:

  • la valutazione del rischio di ammalare,
  • la questione degli invii ai servizi clinici territoriali e della supervisione dell’operato delle AI,
  • nonché la necessità di rispettare e proteggere l’autonomia del paziente.

Infine, non sono chiare le possibili ripercussioni a lungo termine dell’applicazione di queste applicazioni.

Conclusioni

Nel complesso, gli autori sostengono che l’utilizzo dei modelli di IA rappresenta un approccio promettente nel campo della salute mentale, ma saranno necessarie ulteriori ricerche per affrontare le problematiche etiche e sociali che si presenteranno in futuro con la diffusione di queste tecnologie.

Questo documento evidenzia i potenziali benefici delle applicazioni di Intelligenza Artificiale applicata alla salute mentale e la necessità di affrontare quanto prima le implicazioni etiche e sociali di queste tecnologie.

Man mano che la tecnologia continuerà a progredire e l’IA diventerà sempre più integrata nell’assistenza alla salute mentale, sarà importante considerare tutte le implicazioni possibili al fine di garantire che queste tecnologie siano utilizzate in modo responsabile ed etico.

Fonte

Fiske A, Henningsen P, Buyx A. Your Robot Therapist Will See You Now: Ethical Implications of Embodied Artificial Intelligence in Psychiatry, Psychology, and Psychotherapy. J Med Internet Res. 2019 May 9;21(5):e13216. doi: 10.2196/13216. PMID: 31094356; PMCID: PMC6532335.

Ti potrebbero interessare
Antidepressivo più Efficace e Tollerabile

Scopri l'analisi comparativa di efficacia e tollerabilità di 21 antidepressivi nel trattamento del disturbo depressivo maggiore negli adulti, in uno Leggi...

Trattamento farmacologico della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e dell’onicofagia

Una revisione del trattamento della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e della onicofagia

Daridorexant nel trattamento dell’insonnia: due revisioni sistematiche e meta-analisi

Daridorexant è un nuovo antagonista duale del recettore dell'orexina utilizzato nel trattamento del disturbo dell'insonnia cronica. Due recenti meta-analisi hanno Leggi...

AI e Salute Mentale

Intelligenza Artificiale per la Salute Mentale

L’articolo scientifico comparso su Current Psychiatry analizza l’applicazione dell’intelligenza artificiale (IA) nel campo della salute mentale e delle malattie mentali.

La revisione fornisce una panoramica delle attuali applicazioni dell’IA nella salute mentale, insieme ad una discussione sull’integrazione dell’IA nella pratica clinica tenendo conto delle limitazioni attuali e delle implicazioni etiche relative alla tecnologia della IA.

Cosa è la AI o Intelligenza Artificiale?
Il campo dell’informatica noto come intelligenza artificiale (IA) si occupa dello sviluppo di macchine in grado di imitare le capacità dell’intelligenza umana, come l’apprendimento, il ragionamento, la risoluzione di problemi e la presa di decisioni. L’obiettivo dell’IA è creare modelli matematici e algoritmi che possano aiutare le macchine a completare compiti che richiedono un certo livello di intelligenza.

Lo Studio

La revisione è basata su 28 studi che hanno utilizzato l’IA per prevedere, classificare o raggruppare le malattie mentali tra cui la depressione, la schizofrenia o altre malattie psichiatriche e i tentativi di suicidio. Questi studi hanno dimostrato un’elevata accuratezza e fornito esempi del potenziale dell’IA nell’assistenza sanitaria nel campo della salute mentale.

Tuttavia, la maggior parte di essi dovrebbe essere considerata solo una prova di “concetto”, in quanto si tratta di esempi di come gli algoritmi di apprendimento automatico possano essere utilizzati per affrontare alcune questioni relative alla salute mentale.

Conclusioni

Gli autori concludono che l’IA può aiutare gli operatori della salute mentale ni alcuni scopi quali:

  • definire le malattie mentali in modo più oggettivo,
  • identificarle in una fase precoce
  • personalizzare i trattamenti in base alle caratteristiche uniche di un individuo.

Tuttavia, occorre cautela per evitare di interpretare in modo eccessivo i risultati preliminari e occorre ancora lavorare per colmare il divario tra l’IA nella ricerca e l’assistenza clinica.

Inoltre, l’articolo sottolinea che è importante affrontare le implicazioni etiche dell’uso dell’IA nella salute mentale come per esempio la protezione dei dati personali e la possibilità teorica di creare stigmatizzazione e discriminazione.

In generale, l’articolo sottolinea l’enorme potenziale dell’IA nella salute mentale, ma invita ad un utilizzo ponderato della tecnologia, a favore dei pazienti e delle pratiche cliniche.

Un mio pensiero
In generale credo sarà fondamentale considerare e controllare attentamente l’uso dell’IA nel campo della medicina e in particolare della salute mentale, ponendo l’accento su considerazioni morali e sulla partecipazione attiva dei pazienti e delle comunità nella formulazione delle regole di utilizzo dell’IA. Questo aumenterà i vantaggi dell’IA per la salute mentale e ridurrà i rischi e le preoccupazioni etiche ad essa correlate.

Fonte:

Graham, S., Depp, C., Lee, E.E. et al. Artificial Intelligence for Mental Health and Mental Illnesses: an Overview. Curr Psychiatry Rep 21, 116 (2019). https://doi.org/10.1007/s11920-019-1094-0

Ti potrebbero interessare
Microbioma intestinale e depressione

l microbioma intestinale è un insieme di microorganismi che vivono all'interno del tratto digestivo umano. È stato dimostrato che questi Leggi...

Verso una psichiatria di precisione nel disturbo bipolare

Il futuro della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare, offre una prospettiva rivoluzionaria sulla cura di questa complessa condizione

I Sintomi da Sospensione da Antidepressivi: quali farmaci sono più coinvolti?

Sintomi da sospensione da antidepressivi: scopri quali farmaci sono coinvolti e l'incidenza dei sintomi secondo uno studio pubblicato su Lancet Leggi...

Microbioma intestinale e depressione

Il microbioma intestinale si riferisce all’insieme dei microrganismi che vivono nel tratto digestivo degli esseri umani. È ampiamente riconosciuto che il microbioma intestinale svolge un ruolo importante nella salute e nel benessere umano, compreso il suo impatto sulla salute mentale. La ricerca ha dimostrato che il microbioma intestinale può influenzare l’umore, il comportamento e la salute mentale e che un microbioma intestinale sano è associato a una migliore salute mentale.

Cosa è la Depressione?
La depressione clinica è un disturbo mentale caratterizzato da un umore persistentemente triste o depresso, la perdita di interesse o piacere per le attività che solitamente si trovavano gratificanti, e una serie di sintomi fisici e psicologici. Questi sintomi possono includere alterazioni del sonno, perdita o aumento di peso, stanchezza, difficoltà di concentrazione, pensieri di morte o suicidio, e una sensazione di inutilità o colpa. La depressione clinica può essere debilitante e interferire con la vita quotidiana e le relazioni.

Una recente revisione della letteratura mirava a valutare la connessione tra il microbioma intestinale e la depressione. La revisione ha cercato nel database PubMed gli studi pertinenti utilizzando parole chiave specifiche di argomento medico (MeSH). Dopo aver applicato i criteri di inclusione ed esclusione e aver verificato l’accessibilità degli articoli, sono stati selezionati 26 articoli per la revisione.

Cosa è Pubmed?
PubMed è un database gratuito accessibile al pubblico che contiene milioni di citazioni e abstract di articoli scientifici sulla biomedicina e altri campi correlati. Gestito dall’National Library of Medicine degli Stati Uniti, PubMed include informazioni su riviste peer-reviewed, libri, conferenze e altri tipi di pubblicazioni.

I risultati della revisione della letteratura indicano una forte associazione tra la funzione del microbioma intestinale e il benessere mentale, in particolare per quanto riguarda la depressione. Ciò evidenzia l’importanza di mantenere un microbioma intestinale sano per sostenere la salute e il benessere mentale.

In conclusione, gli individui sono incoraggiati a considerare l’integrazione nella loro dieta di alimenti e altre fonti dietetiche che migliorano il contenuto del microbioma intestinale, al fine di sostenere la loro salute mentale.

Fonte:

Limbana T, Khan F, Eskander N. Gut Microbiome and Depression: How Microbes Affect the Way We Think. Cureus. 2020 Aug 23;12(8):e9966. doi: 10.7759/cureus.9966. PMID: 32983670; PMCID: PMC7510518.

Ti potrebbero interessare
Biotipo Cognitivo di Depressione: Una Nuova Prospettiva

Scopri il biotipo cognitivo di depressione, una nuova categoria di depressione identificata da ricercatori della Stanford University. Impara sui sintomi, Leggi...

Verso una psichiatria di precisione nel disturbo bipolare

Il futuro della psichiatria di precisione nel disturbo bipolare, offre una prospettiva rivoluzionaria sulla cura di questa complessa condizione

I Sintomi da Sospensione da Antidepressivi: quali farmaci sono più coinvolti?

Sintomi da sospensione da antidepressivi: scopri quali farmaci sono coinvolti e l'incidenza dei sintomi secondo uno studio pubblicato su Lancet Leggi...