Blog

Sintomi da Sospensione da Antidepressivi

I Sintomi da Sospensione da Antidepressivi: quali farmaci sono più coinvolti?

Un recente studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Lancet Psychiatry da un team internazionale di ricercatori guidati dal Dr. Jonathan Henssler e dal Prof. Christopher Baethge dell’Università di Colonia ha esaminato in modo approfondito l’incidenza dei sintomi da sospensione da antidepressivi, tra cui gli SSRI, SNRI e gli Antidepressivi di prima generazione.

Questa revisione sistematica e meta-analisi rappresenta un importante passo avanti nella comprensione di questo fenomeno clinico sempre più rilevante per i pazienti.

Scopo dello Studio: i Sintomi da Sospensione da Antidepressivi

Lo scopo principale della ricerca era di quantificare l’incidenza dei sintomi da sospensione sia dopo l’interruzione di farmaci antidepressivi che di placebo, colmando una lacuna nella letteratura scientifica.

Cos’è la Sindrome da Sospensione da Antidepressivi?
La sindrome da sospensione da SSRI (Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina) è un insieme di sintomi che possono verificarsi dopo l’interruzione brusca o la riduzione rapida della dose di questi farmaci.
I sintomi possono variare in intensità e durata, ma tipicamente includono: ansia, depressione, irritabilità, confusione, disturbi del sonno, vertigini, mal di testa, tremori, sensazioni di “scosse elettriche” o formicolio, nausea, vomito, diarrea, fatica, sudorazione, sintomi simil-influenzali.

Avere stime affidabili è infatti cruciale per informare correttamente pazienti e medici nel processo di sospensione del trattamento e per guidare la ricerca futura in questo ambito.

Materiali e Metodi

Gli autori hanno condotto una revisione sistematica della letteratura, ricercando studi rilevanti nei principali database biomedici (Medline, EMBASE e CENTRAL) dalla loro nascita fino all’ottobre 2022.

Cosa sono i database biomedici
I database biomedici come Medline, EMBASE e CENTRAL sono risorse cruciali per la ricerca medica e scientifica. Medline è uno dei database biomedici più grandi e utilizzati al mondo, gestito dalla National Library of Medicine (NLM) degli Stati Uniti. EMBASE è un database biomedico gestito da Elsevier. È particolarmente forte nella copertura della letteratura europea e farmaceutica, includendo anche molti articoli non presenti in Medline. CENTRAL è un database gestito dalla Cochrane Collaboration che raccoglie riferimenti di studi clinici randomizzati e controllati (RCTs) da varie fonti

Sono stati inclusi studi su pazienti con qualsiasi disturbo mentale, comportamentale o del neurosviluppo in trattamento con antidepressivi (esclusi antipsicotici, litio e tiroxina), mentre sono stati esclusi studi su neonati e su pazienti trattati per condizioni fisiche come sindromi dolorose da malattie organiche.

Analisi Statistiche

Dopo un’attenta selezione, due revisori indipendenti hanno estratto i dati degli studi inclusi e valutato il rischio di bias. I dati sono stati poi combinati attraverso meta-analisi con modelli ad effetti casuali.

L’outcome primario era quantificare l’incidenza dei sintomi da sospensione dopo interruzione di antidepressivi o placebo. Sono state anche analizzate le incidenze di sintomi severi. Analisi di sensibilità e meta-regressioni hanno esplorato l’impatto di variabili metodologiche.

Cos’è l’Outcome primario?
L’outcome primario di uno studio di ricerca è il principale risultato che i ricercatori intendono misurare per rispondere alla domanda di ricerca o verificare l’ipotesi principale dello studio. È l’endpoint più importante tra quelli valutati nello studio e rappresenta l’obiettivo centrale della ricerca.

Risultati

Dai 6095 articoli inizialmente individuati, 79 studi (44 RCT e 35 osservazionali) con un totale di 21.002 pazienti sono stati inclusi. Di questi, 16.532 sospendevano un antidepressivo e 4470 un placebo. L’età media era di 45 anni e il 72% erano donne.

  • L’incidenza di almeno un sintomo da sospensione è risultata del 31% (IC 95% 27-35%) in 62 gruppi di studio dopo interruzione di antidepressivi, e del 17% (14-21%) in 22 gruppi dopo interruzione del placebo. Tra i gruppi antidepressivo e placebo degli RCT inclusi nella revisione la differenza di incidenza è stata dell’8% (4-12%)
  • L’incidenza di sintomi severi era del 2.8% dopo sospensione di antidepressivi contro lo 0.6% dopo sospensione di placebo.
  • Desvenlafaxina, venlafaxina, imipramina ed escitalopram erano associati a maggiori frequenze di sintomi.
  • Imipramina, paroxetina e desvenlafaxina/venlafaxina erano associati a maggiore severità.

Discussione dei Risultati

Considerando gli effetti aspecifici evidenziati nei gruppi placebo, l’incidenza reale di sintomi da sospensione di antidepressivi può essere stimata intorno al 15%, riguardando circa 1 paziente su 6-7 che interrompe la terapia.

I risultati indicano comunque che una quota clinicamente rilevante di pazienti va incontro a sintomi da sospensione, in alcuni casi gravi.

Servono particolare cautela e monitoraggio nel sospendere antidepressivi come imipramina, paroxetina, venlafaxina e desvenlafaxina.

Conclusioni

In conclusione, i dati rafforzano la necessità di informare e seguire attentamente i pazienti che interrompono gli antidepressivi, senza però creare eccessivi allarmismi.

Ulteriori ricerche dovranno chiarire i fattori predittivi individuali di risposta e ricaduta e le strategie per favorire una sospensione graduale e personalizzata della terapia.

Fonte:

Henssler J, Schmidt Y, Schmidt U, Schwarzer G, Bschor T, Baethge C. Incidence of antidepressant discontinuation symptoms: a systematic review and meta-analysis. Lancet Psychiatry. 2024 Jul;11(7):526-535.

Ti potrebbero interessare
Implicazioni etiche dell’Intelligenza Artificiale nella Salute Mentale

Questo articolo discute le implicazioni etiche e sociali delle applicazioni di Intelligenza Artificiale applicata alla salute mentale, tra cui Psichiatria, Leggi...

Zuranolone: Una Nuova Speranza per il Trattamento della Depressione Post-Partum

Scopri il potenziale di zuranolone, un nuovo trattamento per la depressione post-partum. Uno studio in doppio cieco rivela risultati promettenti Leggi...

Trattamento farmacologico della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e dell’onicofagia

Una revisione del trattamento della tricotillomania, del disturbo da escoriazione e della onicofagia

Write a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.