PSSD o Disfunzione sessuale post-SSRI. Esiste veramente?

PSSD o Disfunzione sessuale post-SSRI. Esiste veramente?

Domande & RisposteCategoria: PsicofarmaciPSSD o Disfunzione sessuale post-SSRI. Esiste veramente?
Gianfranco asked 3 mesi ago
Salve,

sono un ragazzo di 24 anni al quale è stato prescritto dell’escitalopram, ho letto di casi di PSSD e prima di iniziare la cura volevo chiederle quanto è rilevante tale effetto collaterale, perché in quanto incurabile non vorrei finire di rovinarmi la vita in quanto la sessualità è l’unica cosa buona che mi è rimasta. Insomma, devo preoccuparmi o cercare un altro psichiatra?

2 Risposte
dr Federico Baranzini Staff answered 3 mesi ago
Gentile Gianfranco,
il tema che pone è di grande attualità e molto dibattuto.
Sull’argomento ho recentemente pubblicato un post sul mio blog, dedicato proprio alla PSSD e SSRI.
Come potrà leggere l’incidenza di questa sospetta sindrome collegata agli effetti collaterali da SSRI e SRNI non è nota. Vi sono in letteratura ancora pochi studi e spesso con campioni minimi. Anche perchè non è ancora definito precisamente la definizione di tale sindrome e assolutamente ancora meno le cause esatte. Si sospetta sia indotta o slatentizzata dall’uso di farmaci inibitori del reuptake della serotonina, appunto SSRI.
Lei mi chiede quanto è rilevante. In realtà l’impotenza o il calo della libido o l’ipoestesia dei genitali credo possano essere considerati sempre rilevanti quando si presentano anche quando si associano a depressione clinica. Infatti uno degli aspetti problematici della faccenda sta proprio che questi sintomi sono generalmente presenti nei quadri clinici di depressione, motivo per cui i farmaci SSRI vengono prescritti.
Quello che le posso dire deriva dalla mia esperienza clinica diretta, ovvero che in 16 anni di professione non mi è mai capitato di incontrare un caso anche solo sospetto di PSSD. Al contrario il 90% dei miei pazienti depressi o gravemente ansiosi (altro motivo per cui si possono usare questi farmaci) presenta una qualche forma di disfunzione sessuale o alterato rapporto con la sessualità.
Se non ha perso la fiducia nel suo psichiatra non le consiglierei di cambiarlo, ma al contrario di parlarne con lui con serenità.
Un caro saluti
Federico Baranzini
Alex
replied 3 settimane ago

Io purtroppo appartengo agli sfortunati cui è toccata questa sindrome. Prima del trattamento con paroxetina ero un iperansioso e leggermente depresso ma la mia sessualità era viva e vibrante. A trattamento in corso (non ricordo le tempistiche) il sesso era ormai un ricordo. Dopo un faticosissimo periodo di sospensione del farmaco, sopportando una pesante astinenza, la sessualità non è tornata ai livelli pre-cura. La depressione è dunque inevitabilmente peggiorata (come si può pensare di essere di buonumore quando una parte così importante della vita ti viene portata via?) ma non mi affiderò più ad antidepressivi. Qualche ricercatore con cui sono in contatto sta studiando il fenomeno, sicuramente sottostimato. Di sicuro per molte persone depresse la sessualità ne risente, ma l’anestesia genitale e altre manifestazioni fisiche sono un altro paio di maniche.

Michael
replied 4 settimane ago

Anche io ho assunto sertralina a dosaggio minimo per un periodo di circa due settimane all’inizio del 2018, all’età di 25 anni. Ho assunto la terapia con fiducia, completamente ignaro dei possibili effetti collaterali.
Prima di questa terapia la mia funzionalità sessuale era ottima. Poi, già dopo la prima pillola di sertralina, la mia sessualità è venuta completamente a mancare, deceduta: il pene è diventato completamente anestetizzato, incapacità di ottenere l’erezione, ed enorme difficoltà nel raggiungere l’orgasmo.
Ora, dopo più di tre anni, la situazione non è migliorata.
Sono veramente affranto e afflitto per aver perso la mia virilità, da un giorno all’altro, senza spiegazione.

Kimetex
replied 2 mesi ago

Questi pazienti con disfunzioni sessuali non avevano usato farmaci prima della valutazione? Conosco centinaia di pazienti con PSSD e ne ricordo meno di 4 che avessero lievi disfunzioni prima di aver assunto antidepressivi. Al contrario, molti ricordano il periodo pre-farmaco con aspetti di ipersessualità, nonostante ansia o depressione. Io ero perfettamente sano sessualmente prima di aver assunto una pillola di sertralina, mentre oggi, ad un anno da allora, sono ancora castrato.


dr Federico Baranzini Staff answered 2 mesi ago
La ringrazio Kimetex per il suo contributo. Da quello che scrive fa riferimento ai “pazienti” lasciando intendere di avere una sua esperienza sul campo, un punto di vista da clinico che si occupa di queste tematiche. Se fosse così sarei certamente interessato ad un confronto sulla tematica. Se così non fosse le posso dire che nella mia esperienza quasi la totalità dei casi di sospetta PSSD (veramente pochi in anni di pratica) presentavano bassi livelli di libido proprio in quanto pazienti depressi o gravemente depressi.
La tua risposta