Blog

Un caso clinico di Depressione Post-Partum

Ho paura di fare del male a mia figlia

La storia di Sara e della sua Depressione Post-Partum

Sara è una neomamma di 35 anni, con una figlia di sei settimane, si rivolge ad uno psicologo perché sperimenta i sintomi della depressione post partum. Il suo malessere è iniziato subito dopo il parto. Sara ha partorito con cesareo di emergenza e si sente in colpa per non essere riuscita a dare alla luce sua figlia naturalmente. Inoltre, non riesce ad allattare a causa di un problema di salute e si sente ancora più inadeguata come madre. La presenza costante dei suoi genitori per aiutarla con la bambina la fa sentire intrappolata e inadeguata. Sara non riesce ad esprimere il suo dissenso alla presenza dei genitori per non ferirli e inizia a sentirsi sola e isolata. Inizia ad avere pensieri ricorrenti di non essere una buona madre e di non riuscire a prendersi cura della figlia. Questi pensieri la fanno sentire ancora più depressa e isolata. Sara cerca aiuto per superare la depressione post partum e riacquistare fiducia nelle sue capacità di madre.

Sara ha iniziato una terapia psicologica integrata con farmaci antidepressivi sotto la mia supervisione . Durante le prime sessioni, ha avuto la possibilità di esprimere le sue preoccupazioni e le sue paure riguardo alla sua esperienza post-partum. Insieme abbiamo imparato a riconoscere e affrontare i suoi pensieri negativi riguardanti la sua capacità di essere una buona madre.

Abbiamo lavorato per individuare le cause della sua depressione post-partum e per trovare nuovi modi di gestire le sue emozioni e di affrontare le sfide quotidiane.

L’integrazione della terapia psicologica con farmaci antidepressivi ha permesso di ridurre i sintomi di depressione di Sara, migliorando il suo umore e la sua capacità di prendersi cura della figlia. Con il passare del tempo, Sara ha iniziato ad avere più fiducia nelle sue capacità di madre e ad apprezzare il suo ruolo nella vita della figlia. Ha imparato a chiedere aiuto e supporto ai suoi genitori senza sentirsi in colpa o intrappolata.

Nei mesi ha iniziato ad avere più energia e motivazione per svolgere le sue attività quotidiane, come prendersi cura della casa e della bambina e ha iniziato a partecipare ad attività sociali e ricreative, ricominciando a coltivare le sue passioni.

Grazie all’aiuto psicologico e farmacologico integrato, Sara è riuscita a superare la sua depressione post-partum e a recuperare la sua autostima. Ha imparato a gestire meglio le sue emozioni e ad apprezzare la bellezza della vita con sua figlia, riuscendo ad avere una relazione più sana e appagante con lei.

Il materiale qui presentato è ispirato a fatti e personaggi legati all’attività clinica dell’autore che ne ha modificato i dettagli e ogni elemento che permettesse un riconoscimento a tutela e protezione della privacy dei pazienti. In ogni caso quanto riportato, per specificità della casistica esaminata e la non generalizzabilità delle indicazioni, non può in alcun modo considerarsi sostitutivo di una valutazione medica personale.

Ti potrebbero interessare
Voglia di morire. Che fare? Un caso di depressione maggiore

Ho tentato il suicidio. Sonia, un caso di Disturbo Depressivo Maggiore

"Buonasera Dottore, sono una ragazza Leggi...

Ansia tutto il giorno. Che fare? Un caso di Ansia Generalizzata

Ansia e allarme per tutto il giorno Gianna, un caso di Ansia Generalizzata

“Ho 43 anni Leggi...

Zuranolone: Una Nuova Speranza per il Trattamento della Depressione Post-Partum

Scopri il potenziale di zuranolone, un nuovo trattamento per la depressione post-partum. Uno studio in doppio cieco rivela risultati promettenti Leggi...

Comments for this post are closed.