Sospensione SERTRALINA e sbalzo ormonale con ipersessualità

Sospensione SERTRALINA e sbalzo ormonale con ipersessualità

Forum Domande & RisposteCategoria: Psicofarmaci, modalità d'uso ed effettiSospensione SERTRALINA e sbalzo ormonale con ipersessualità
MANUEL asked 7 mesi ago

Salve,

chiedo un parere sulla situazione che sto vivendo,.

Ho 40 anni e sono stato in cura con SERTRALINA per 10 anni durante i quali avevo rapporti sessuali con frequenza di 1 a settimana.

Da 1 mese ho smesso la terapia e sono ritornato sessualmente attivo, fin troppo però, a tal punto di sentire l'esigenza di avere più rapporti al giorno. Da quando ho smesso di assumere la sertralina sento come un fastidio ai testicoli e basso ventre, non ho infezioni in quanto urinocoltura e spermiocoltura sono risultate negative, la prostata però risulta un po ingrossata e infiammata, sembra quasi che avendo rimesso in moto il mio apparato riproduttivo ci sia una sorta di infiammazione che mi crea disturbi....

volevo capire se può esserci qualche relazione tra l'aver smesso l'assunzione di sertralina e l'aumento di ormoni cosi da aver scombussolato l'apparato riproduttivo.

Ringrazio anticipatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff answered 6 mesi ago

Gentile Manuel,
la ringrazio per aver condiviso la sua situazione. Capisco che dopo 10 anni di terapia con sertralina, ha sospeso il farmaco da circa un mese e ha notato un aumento della libido e della frequenza dei rapporti sessuali. Al contempo riferisce fastidi ai testicoli e al basso ventre, con infiammazione prostatica, pur in assenza di infezioni.

È comprensibile che lei si chieda se vi sia una correlazione tra la sospensione della sertralina e questi disturbi genito-urinari comparsi di recente.

In effetti, la sertralina è nota per i suoi effetti inibitori sulla sfera sessuale e la sua sospensione può determinare in alcuni soggetti un "rimbalzo" con incremento della libido. Nella mia esperienza autolimitanti. Tuttavia è improbabile che questo possa causare direttamente infiammazioni o dolore, a meno che l'aumentata attività sessuale non abbia favorito traumatismi o microlesioni.

Più verosimilmente, la prostatite e i fastidi lamentati hanno una genesi organica indipendente, come confermato dall'esame obiettivo. Andrebbero approfonditi con uno specialista uro-andrologo per impostare una terapia mirata. Consiglierei anche di evitare eccessi sessuali e di adottare norme igieniche adeguate.

Inoltre nella sua domanda lei parla di ormoni, ma non è chiaro se ha fatto un accertamento ormonale in questo senso? Che ormoni avrebbe alterati? Non è detto che la sua condizione sia associata ad un'alterazione ormonale.
Spero di esserle stato utile con questi chiarimenti, sono a disposizione per qualsiasi approfondimento. Le auguro di risolvere presto i fastidi lamentati e di trovare un giusto equilibrio psicofisico.

Cordiali saluti,
Federico Baranzini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua risposta