Sospensione di XANAX 0,5 mg RP dopo anni

Sospensione di XANAX 0,5 mg RP dopo anni

Forum Domande & RisposteCategoria: Psicofarmaci, modalità d'uso ed effettiSospensione di XANAX 0,5 mg RP dopo anni
francesco asked 8 mesi ago
Salve Dottore,sono anni che assumo 0,5 mg di XANAX al mattino. Ora consapevole del fatto che l'effetto non sia più presente da anni e sto bene vorrei eliminare il farmaco.Ho gia visto una risposta per la sospensione ma volevo sapere... data la quantità assunta è possibile sospendere di botto?Conviene fare un passaggio alle gocce?Non vorrei sostituirlo con valium ecc.Grazie mille!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff answered 8 mesi ago

Buongiorno Francesco,

la sospensione di un farmaco come  XANAX richiede una valutazione medica individuale. In generale, per evitare i sintomi di astinenza, si consiglia di ridurre gradualmente la dose del farmaco anziché interromperlo bruscamente. La riduzione graduale della dose le permetterà di adattarsi gradualmente senza causare sintomi spiacevoli.

È fondamentale consultare il suo medico curante o uno specialista  per discutere del suo desiderio di interrompere il farmaco. Il medico valuterà la sua situazione specifica, terrà conto della dose attuale e deciderà la strategia migliore per lei.

A volte, viene suggerita una conversione verso una forma farmaceutica più flessibile come le gocce, per permetterle una riduzione graduale della dose. Il suo medico sarà in grado di consigliarle sulla migliore opzione, evitando la sostituzione con altri farmaci come il Valium, a meno che sia indicato nel suo caso specifico. Io per esempio lo consiglio quasi sempre ai miei pazienti, soprattutto se ansiosi o particolarmente rimuginanti o ipersensibili ai cambiamenti.

È importante sottolineare che la sospensione di un farmaco benzodiazepinico richiede un monitoraggio medico attento durante tutto il processo. Potrebbe essere utile affiancare la riduzione della dose con un supporto psicologico, almeno temporaneo, per affrontare eventuali ansie o preoccupazioni legate alla sospensione. Questo potrebbe essere fatto con il suo stesso specialista se anche psicoterapeuta. Nella mia esperienza l'approccio integrato è molto efficace.

Ricordi che interrompere i farmaci prescritti deve essere fatto sotto la supervisione di un medico, poiché possono esserci rischi e complicazioni se non viene gestito correttamente.

Le consiglio quindi di rivogersi al suo medico per una valutazione personalizzata e per sviluppare un piano adeguato a lei.

Cordiali saluti e grazie per il suo intervento

Federico Baranzini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua risposta