Psicofarmaci e effetti collaterali

Psicofarmaci e effetti collaterali

Domande & RisposteCategoria: PsicofarmaciPsicofarmaci e effetti collaterali
Benedetta ha scritto 3 settimane fa
Buongiorno,

soffro di attacchi di panico da tanti anni… e curati sempre con benzodiazepine e poco con antidepressivi poiché non tollerati.

Dopo una cura con antidepressivo che mi ha causato ipotensione e due benzodiazepine, la cura viene rivista ed entro in uno stato di sconforto e stress. Lo psichiatra mi parla di disistima. Premetto che ero in cura da quasi due anni e non ne aveva mai fatto menzione. I problemi nascono con lo scalaggio della benzodiazepine… effetto da sospensione e rimbalzo.

Viene cambiata la molecola… una con lunga emivita (20 gocce tre volte al di… di cui da una settimana una dose è scesa a 18!) , deniban mezza compressa e poi una la sera da 50mg, e depakin bustine a rilascio prolungato prima una e poi due. Da domenica siamo scesi ad una vista la mia perplessità sul farmaco (nonché su un livello di ammonio alto già con un dosaggio!) e poiché era un farmaco già usato in passato.

Da due giorni lamento un tremore ai muscoli intensi, intorpidimento ad una gamba, formicolio agli arti, testa confusa. Ma ciò che mi allarma di più sono i formicolii e questi tremori o spasmi muscolari.. spesso proprio come spilli e come se il sangue avesse problemi a circolare… depakin e deniban posso esserne la causa? Lo psichiatra sembra non voler far seguito. Ma io conosco il mio corpo e così non sono mai stata… premetto che per scongiurare patologie mi sono appena sottoposta anche ad eco-color-doppler arti con esito negativo.

Che sia intossicazione?

Sicuramente le benzodiazepine dopo un uso prolungato possono causarlo. Ho constatato anche aumento di peso da quando sono stati introdotti depakin e deniban, gonfiore addominale e i primi tempi nausea…

grazie della sua risposta. Benedetta

1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff ha risposto 3 settimane fa
Gentile Benedetta
gli psicofarmaci come tutti i farmaci presentano effetti collaterali. In modo particolare in corso di polifarmacoterapie. Più sono i farmaci in uso contemporaneamente più sono le possibili interazioni e la probabilità di sviluppare effetti collaterali. In più a volte alcuni farmaci possono essere controindicati se il paziente presenta particolari condizioni cliniche: il valproato di sodio per esempio è controindicato nei soggetti portatori da un deficit di ornitina transcarbamilasi che è responsabile di un difettoso ciclo dell’urea. In questi soggetto la probabilità di incorrere in un’iperammoniemia è alto. 
I sintomi che riporta non sono così specifici o patognomonici e non possono essere facilmente ricondotti a una sindrome particolare con facilità, per questo le consiglierei, se i sintomi persistessero, di tornare dal dottore e ridiscutere con lui la situazione alla luce degli sviluppi clinici.
Particolarmente preoccupanti potrebbero essere il presentarsi di torpore e letargia sino alla perdita di conoscenza, mal di pancia talmente intenso da non potersi alzare dalla sedia con vomito e nausea.
Il suo medico conoscendo la sua storia clinica e lo stato di salute (esami del sangue ecc…) potrà stabilire cosa le sta accadendo in una scala di possibili e plausibili spiegazioni.
Il fattore ansia e “emotività” in questi casi, per mia esperienza, c’entrano poco o nulla, e devono essere messe, tra le possibili eziologie, in coda. 
Cordiali saluti
Federico Baranzini 

La Stimolazione Magnetica Transcranica per il DOC

Circa il 70% delle persone con OCD sperimenteranno almeno qualche beneficio dalla psicoterapia, dai farmaci o da una combinazione …

Differenza tra il DOC e il Disturbo di Personalità Ossessivo Compulsivo

Se il DOC e il Disturbo di Personalità Ossessivo sono forme distinte di malattia con le loro caratteristiche uniche e specifiche, …

Cosa causa il DOC?

Vi sono diverse teorie sul perché il Disturbo Ossessivo si sviluppa. Nessuna di queste teorie può spiegare completamente …