Esilgan per l’insonnia: da dipendenza?

Esilgan per l’insonnia: da dipendenza?

Forum Domande & RisposteCategoria: Psicofarmaci, modalità d'uso ed effettiEsilgan per l’insonnia: da dipendenza?
Stefania asked 1 anno ago

Salve,

sono in cura per ansia generalizzata e sto assumendo VENLAFAXINA e MUTABON mite.

Nei cambi di stagione mi si presenta l'insonnia e il mio medico mi prescrive ESILGAN, ma sono un po' restia ad assumerlo per paura di instaurare dipendenza.

Se prendessi il farmaco anche solo per un paio di settimane questo basterebbe a eliminare il circolo vizioso della paura di non riuscire più a dormire?

Le benzodiazepine servono a mettere il cervello a riposo da un periodo difficile per poi riuscire a tornare alla normalità, premetto che in altri periodi dell'anno dormo benissimo.

Grazie per l'attenzione.
Cordiali saluti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff answered 1 anno ago

Gentile Stefania,
Le benzodiazepine, come l'Esilgan (lorazepam), possono essere efficaci nel trattamento dell'insonnia a breve termine, ma devono essere utilizzate con cautela e solo sotto la supervisione del medico.

L'uso prolungato di benzodiazepine può infatti portare alla dipendenza e alla tolleranza, il che significa che il paziente potrebbe aver bisogno di dosi sempre maggiori per ottenere gli stessi effetti. Inoltre, l'interruzione improvvisa dell'assunzione di benzodiazepine può causare sintomi di astinenza.

Tuttavia, se utilizzate correttamente e solo per periodi limitati, le benzodiazepine possono essere utili per interrompere il circolo vizioso della paura di non riuscire a dormire. È importante però che ne discuta con il suo medico e che segua le dosi e le istruzioni indicate.

In alternativa, potrebbe chiedere al suo medico se ci sono altri farmaci o terapie non farmacologiche per l'insonnia che potrebbero essere più sicuri e appropriati per lei.

In ogni caso, il trattamento dell'insonnia deve essere personalizzato in base alle esigenze del paziente e alle cause sottostanti dell'insonnia stessa.

Un cordiale saluto
Federico Baranzini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua risposta