Cipralex a lungo termine rovina la mente o il cervello?

Cipralex a lungo termine rovina la mente o il cervello?

Forum Domande & RisposteCategoria: Psicofarmaci, modalità d'uso ed effettiCipralex a lungo termine rovina la mente o il cervello?
ettore asked 1 anno ago

Egr. Dottore,

Le vorrei porre un quesito sulla possibilità che CIPRALEX di danneggiare il cervello se preso per lungo tempo.

Ho 42 anni e ho iniziato a prendere CIPRALEX al dosaggio di 10 mg, a periodi 15 mg, da quando non avevo ancora 30 anni per problemi di ansia generalizzata e attacchi di panico. Su di me ha avuto effetti positivi: sono tornato a sorridere, a mangiare di gusto e ho una sorta di benessere e tranquillità che mi fa vedere meglio le cose durante la giornata.

Provai anche a smettere gradualmente ma dopo pochi mesi senza il farmaco ritornavano i problemi. Il curante mi ha detto che dovrò assumerlo per molto tempo, se non addirittura a vita.

Quando assumo Cipralex noto un leggero torpore, non da indurmi al sonno, ma mi sento come se fossi leggermente rallentato, anche nei pensieri.

Vorrei chiederle se il farmaco può rovinare il cervello se preso per molto tempo e può rallentare irrimediabilmente la sua funzione.

Grazie e buon anno

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff answered 7 mesi ago

Egregio Ettore

la ringrazio per la domanda. E' sempre un tema di attualità e molto sentito giustamente.

Le dico subito che per quanto di mia conoscenza e competenza non mi risulta l'esistenza di studi scientifici che dimostrino una correlazione diretta tra assunzione di farmaci SSRI (di cui fa parte ESCITALOPRAM il principio attivo di CIPRALEX) e lesioni permanenti alla mente o cervello.

Esistono al riguardo due tipologie di studi:

  1. Studi clinici controllati: Numerosi studi clinici controllati hanno dimostrato l'efficacia e la sicurezza degli SSRI nel trattamento della depressione e di altri disturbi psichiatrici. Questi studi hanno valutato gli effetti a breve e lungo termine degli SSRI e non hanno evidenziato danni permanenti al cervello.
  2. Revisioni sistematiche e meta-analisi: Revisioni sistematiche e meta-analisi di studi clinici hanno concluso che gli SSRI sono generalmente sicuri e ben tollerati. Non sono state riscontrate evidenze significative di danni permanenti al cervello associati all'uso di SSRI.

Per quello che riguarda gli effetti collaterali a breve e medio raggio allora è noto da temepo che questi farmaci possono essere responsabili di alcuni effetti più o meno fastidiosi. E' sempre utile ripeterli :

Effetti collaterali a breve termine

  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea
  • Perdita di appetito
  • Secchezza delle fauci
  • Ansia
  • Nervosismo
  • Irrequietezza
  • Mal di testa
  • Vertigini
  • Sonnolenza
  • Difficoltà ad addormentarsi
  • Sudorazione eccessiva
  • Tremore
  • Visione offuscata

Effetti collaterali a medio termine

  • Disfunzioni sessuali come calo della libido, difficoltà nel raggiungere l'orgasmo
  • Aumento di peso
  • Affaticamento e debolezza muscolare
  • Disturbi del sonno
  • Ansia e agitazione
  • Nausea e diarrea persistenti
  • Secchezza delle fauci
  • Capogiri
  • Mal di testa
  • Visione offuscata
  • Sudorazione eccessiva
  • Tremore
  • Irrequietezza

Spero di esserle stato di un qualche aiuto.

Un cordiale saluto

Federico Baranzini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua risposta