Depressione da Lutto in Anziano

Depressione da Lutto in Anziano

Forum Domande & RisposteCategoria: PseudodemenzaDepressione da Lutto in Anziano
loredana asked 6 mesi ago

Salve dottore,

ho una mamma di quasi 82aa.

Noi  viviamo  lontane e dopo la dipartita di babbo l'ho presa a casa con me.  Io sono una persona con disabilità motoria che vive in modo autonomo e indipendente, guido ecc. In sintesi mamma prima è venuta da me e macchinava di riportarmi a vivere a casa con lei. Come fosse fuor dalla realtà.  Quando le parlo dice che andrà in casa di riposo e subito dopo  dice che vuole stare a casa sua.

A volte   aggiunge al racconto / progetto  una badante  altre volte no. Dopo qualche tempo  che  è mancato il babbo ha iniziato a  stranirsi , a momenti non riconosceva alcuni luoghi, piccoli episodi di afasia.  Il mancato riconoscimento dei luoghi sta peggiorando. Sono molto preoccupata: se riesce ad andare via io non potrò seguirla.

Il mio  medico di famiglia mi ha dato del lorazepam, mamma ha momenti di urla, ira e violenza verbale se non si fa come vuole lei.

Il dottore  consiglia  un consulto con  geriatra ma  temo che la cosa  scappi di mano.  Non sarebbe meglio un professionista privato? Cosa mi consiglia?  (1 anni non sono pochi per una situazione del genere ?  Aveva avuto piccoli episodi depressivi ma il  suo medico di famiglia non li ha considerati  le ha consigliato " aria fresca" letteralmente.

Grazie per la pazienza

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff answered 3 settimane ago

Gentile Loredana,

le consiglio certamente una consulenza specialistica sia Geriatrica che Psichiatrica. Il geriatra dovrà valutare lo stato di salute generale e le capacità residue di sua madre, come per esempio la mobilità, il grado di nutrizione e idratazione, il rischio di caduta ecc.. mentre lo psichiatra dovrà occuparsi della parte che descrive, le urla, la rabbia, gli atteggiamenti "strani" o di smarrimento che lei ha notato.

Le consiglio di appoggiarsi ad un geriatra ospedaliero (che eventualmente potrà incontrare privatamente) in modo che possa nel caso disporre più facilmente un ricovero in caso si renda necessario.

Un cordiale saluto
Federico Baranzini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua risposta