Difficoltà nel contatto fisico: Afefobia?

Difficoltà nel contatto fisico: Afefobia?

Forum Domande & RisposteCategoria: Fobie e Disturbi Ossessivo CompulsiviDifficoltà nel contatto fisico: Afefobia?
Francesco asked 3 mesi ago

Sono un ragazzo di 32 anni e ho difficoltà nel contatto fisico con le persone e questo mi impedisce di costruire relazioni con ragazze di cui sono attratto in quanto non riesco ad approcciare fisicamente l'altra persona. Mi blocco in quanto non mi viene affatto naturale il contatto fisico.

Il massimo che rieco a fare è una stretta di mano con amici.

Inoltre, non sono mai stato a mio agio con nessuna attività corporea, ad esempio non mi viene naturale né il ballo né l'attività sportiva.

Di che tipo di problema si tratta e che tipo di lavoro posso fare per uscire da questa condizione frustrante?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff answered 2 mesi ago

Gentile Francesco,
La ringrazio per aver condiviso con noi il suo vissuto, dimostrando apertura e fiducia. Capire i propri limiti e desiderare di superarli è già un passo significativo nel percorso verso il benessere personale.
Dalla sua descrizione, emerge una difficoltà nel contatto fisico e nelle attività corporee, situazione che, come lei giustamente sottolinea, può influenzare le relazioni interpersonali e la sua vita sociale. Ovviamente non è questa la sede per tentare una diagnosi ma la sua problematica, per come è stata sdescritta e in mancanza di dati specifici, potrebbe lasciar pensare ad alcune ipotesi.

Potrebbe trattarsi di un disturbo dell'interazione sociale.

Un disturbo dell'interazione sociale è una condizione in cui una persona ha difficoltà a comunicare, interagire e relazionarsi con gli altri in modo appropriato. Questa difficoltà può manifestarsi in varie forme, come problemi nel contatto fisico, nell'espressione emotiva, nella capacità di comprendere le regole sociali o nel formare relazioni significative. Ogni disturbo dell'interazione sociale ha delle caratteristiche specifiche, quindi è importante consultare un professionista della salute mentale per una diagnosi accurata e un trattamento adeguato.

Oppure di una manifestazione comportamentale legata ad un sottostante problema di ansia sociale.

Un'altra ipotesi che mi viene in mente, che dovrebbe essere validata da un colloquio con uno spacialista, ricade nel campo delle Fobie. Potrebbe rassomigliare ad un quadro cosiddetto di afefobia.

L'Afefobia, un termine meno noto ma di grande impatto nella vita di chi ne soffre, descrive un disturbo caratterizzato da una profonda paura del contatto fisico. Questo disturbo si manifesta attraverso una varietà di sintomi, inclusi disagio, ansia e, in alcuni casi, panico al pensiero o all'esperienza di toccare o essere toccati da altri. È essenziale distinguere l'Afefobia dall'Aptofobia. Mentre l'Afefobia si focalizza sulla paura generale del contatto fisico, l'Aptofobia si specifica nel timore del tocco in un contesto sessuale. Questa distinzione non è solo semantica, ma riflette differenze sostanziali nelle esperienze, nelle cause e nei trattamenti di questi disturbi.
Questo tipo di problematica può avere diverse origini e manifestarsi in vari modi, ma spesso è legata a fattori psicologici o esperienze passate che influenzano il modo in cui una persona si relaziona con gli altri e con il proprio corpo.

Tra le possibili spiegazioni, potrebbe esserci:
1. Il timore di essere giudicati o di non comportarsi adeguatamente in situazioni sociali può portare a un'evitazione del contatto fisico.
2. Talvolta, esperienze negative o traumi vissuti in passato possono influenzare il modo in cui percepiamo e gestiamo il contatto fisico.
3. A volte, la difficoltà nel contatto fisico può essere correlata a questioni di immagine di sé e di autostima.

Per aiutarla a superare le difficoltà che sta affrontando, un approccio multidisciplinare potrebbe rivelarsi particolarmente efficace. Innanzitutto, consultare un professionista nel campo della salute mentale potrebbe essere un passo fondamentale.

Un terapeuta o uno psicologo potrebbe aiutarla non solo a identificare e comprendere le cause alla base delle sue difficoltà nel contatto fisico, ma anche a sviluppare strategie personalizzate per affrontarle. Tra queste, la pratica della mindfulness potrebbe essere particolarmente utile. Questa tecnica aiuta a incrementare la consapevolezza del proprio corpo e a ridurre l'ansia legata al contatto fisico. Inoltre, potrebbe essere vantaggioso iniziare con attività corporee che le suscitano meno timore, come lo yoga o le arti marziali.

Queste attività possono aiutare a migliorare la percezione e il comfort con il proprio corpo. Un altro metodo che potrebbe risultare efficace è l'esposizione graduale al contatto fisico. Partendo da situazioni che le creano meno ansia, e procedendo gradualmente verso contesti più impegnativi, potrebbe lentamente costruire la sua sicurezza e abilità nel gestire il contatto fisico.

Questo processo graduale è spesso una chiave fondamentale per superare le barriere che attualmente sta sperimentando.

È importante ricordare che ogni persona ha il suo ritmo e che è normale sentirsi a disagio in certe situazioni. Il processo di superamento di queste difficoltà richiede tempo e pazienza.

Spero che queste informazioni possano essere un primo passo verso un miglioramento della sua situazione. La incoraggio a cercare il supporto di un professionista che possa guidarla in modo personalizzato nel suo percorso.

Cordiali saluti,
Federico Baranzini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua risposta