Diagnosi di disturbo della personalità tramite neuroimaging TAC o RMN?

Diagnosi di disturbo della personalità tramite neuroimaging TAC o RMN?

Forum Domande & RisposteCategoria: Disturbi di Personalità e CaratterialitàDiagnosi di disturbo della personalità tramite neuroimaging TAC o RMN?
Paziente asked 4 mesi ago

Buongiorno,

 

leggo molto in rete citazioni di pubblicazioni scientifiche, come questa: https://www.federicobaranzini.it/neuroimaging-in-psichiatria/ che anche lei ha riportato.

Si spiegano le diagnosi di disturbi e malattie psichiatriche, fatte con neuroimaging quindi guardando proprio dentro il cervello.

Ebbene la mia domanda è: perché tali diagnosi non si riescono a fare chiedendole al proprio psichiatra o medico di base ?
Prescrivono le neuroimaging solo in casi di tumore o in casi di semplici emicranie ?

E' possibile farle quanto meno privatamente o prestandosi alla ricerca scientifica ?

Lo vorrei perché sia psicoterapie che psicofarmaci con me non hanno mai funzionato e vorrei cercare di delineare meglio quale disturbo di personalità posso avere.

La ringrazio anticipatamente
Saluti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff answered 4 mesi ago

Gentile Paziente,

la ringrazio per la domanda su tale argomento che, ho notato, in questo periodo risulta molto di interesse.
Come ho spiegato in altri miei interventi a cui la rinvio, il neuroimaging è utile nella clinica come risorsa ausiliare  nel processo diagnostico ma in casi isolati molto specifici.

Come le procedute psicodiagnostiche condotte tramite test, questionari e interviste, che hanno il vantaggio di costare molto meno del neuroimaging ed essere molto facilmente utilizzate dal clinico, il neuroimaging può essere di aiuto ma non può sostituire, diciamo così, l'occhio clinico e l'esperienza del medico.

I test e le indagini strumentali non "fanno diagnosi" ma sono di supporto al clinico e orientano la sua decisione clinica alla diagnosi, che quindi alla fine e unicamente un atto medico o comunque del clinico.

Nello specifico della sua domanda, i disturbi di personalità vengono oggi giorno diagnosticati esclusivamente tramite la conoscenza del paziente, il quadro clinico e la conoscenza della sua storia personale. Il clinico è poi libero di ricorrere, in caso di dubbio, all'ausilio di test, questionari o interviste codificate.

Un cordiale saluto
Federico Baranzini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua risposta