Interruzione di psicofarmaci

Interruzione di psicofarmaci

sophia ha scritto 1 anno fa
Salve, vorrei avere un consulto riguardo la mia situazione.Io soffro di ansia e angoscia da quattro anni… Il sintomo più frequente è confusione mentale che mi destabilizza del tutto.Quattro anni fa, in seguito ad un periodo di forte ansia da cui non riuscivo ad uscire mi furono prescritti Cipralex e Xanax da una psichiatra… Che però non ho più visto in quanto lei situa in Sicilia ed io a Roma…

Negli anni li ho presi e sicuramente mi hanno aiutata a tenerla sotto controllo.Anche se a momenti avevo comunque delle ricadute… Ho fatto di rado psicoterapia ma mai un percorso continuo per mancanza di denaro…Prendevo 10 gocce di Xanx al mattino e 10 la sera e 12 gocce di cipralex la mattina.Ho provato ad interromperli definitivamente lo scorso anno, dato che non sentivo il bisogno di prenderli e molto spesso lo dimenticavo.ma dopo 3 mesi dalla sospensione ho avuto una ricaduta, per evitare di ritornare a passare il periodo di ansia sono tornata a riprenerli.

Quest’anno è successa la stessa cosa, dopo qualche mese ho iniziato a dimenticare di prenderli, non faceva una cura assidua quindi a Settembre ho deciso nuovamente di sospenderli dato che mi sentivo bene.Ieri mi è tornato un attacco di panico dopo 4 anni che inevitabilemtne mi ha riportato da quakche giorni a rivivere forte angoscia e forte confusione mentale, come se non riconoscessi ciò che mi circonda.

Non so se è paura della paura, o effettivamente sintomi da interruzione di psicofarmaci.Se fosse così, quanto durano i sintomi da sospensione?Dovrei tornare a riprenderli per poi scalarli pian piano?Io ero felice di averli interrotti, vorrei non prenderli più ma non voglio nemmeno riprovare quel senso di depressione e panico…

Attendo vostre, grazie mille!

Sara
ha risposto 1 mese fa

Salve. Sono una ragazza di 20 anni. Ho iniziato a soffrire di depressione e ansia somatizzata all’età di 18 anni. Quest’anno sto in cura per la prima volta da uno psichiatra, dopo aver fatto molte sedute dagli psicologi. Sto iniziando ad assumere da una settimana e 2 giorni cipralex e haldol e tavor (che ho sospeso perché mi aumentavano gli effetti collaterali). La prima settimana avevo effetti collaterali come ansia, nausea , inappetenza, di notte sopratutto bruciore alla pelle. Quando sono in strada mi sento confusa, una confusione mentale , sopratutto quando c’è molta gente… e da quando sto assumendo antidepressivo cipralex sto avendo problemi sessuali, mi sento spenta in quel senso … vorrei sapere se è tutto normale . Ho 20 anni, vorrei iniziare a vivere in tutti i sensi come una ragazza di questa età . Sono normali questi effetti collaterali?
Ps la prima settimana prendevo 2 gocce di haldol e 5 cipralemattina ), poi 4 gocce di haldol e 5 cipralesera). Ora sto alla seconda settimana e sto appena assumendo 10 gocce alla mattina di cipralex e 10 gocce alla sera di cipralex. Quindi ora sto iniziando il dosaggio piano anche se devo arrivare a 20 gocce. Grazie per l’attenzione(:


1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff ha risposto 12 mesi fa
Buongiorno Sophia,
la ringrazio per aver scritto al forum. Questo spero possa essere di aiuto ad altre persone.
Vengo al dunque e cerco di rispondere alle sue domande:
Dal suo racconto ne deduco che se è vero che ha sospeso il farmaco serotoninergico molto velocemente (cipralex ovvero escitalopram il principio attivo) è probabile che sia andata incontro a sintomi da rapida sospensione che spesso mimano i sintomi d’ansia per cui si è iniziato ad assumere. In tal caso è consigliato se la sintomatologia persiste, riprendere il farmaco e scalarlo lentamente o molto lentamente tipo 1 goccia alla settimana o ogni due settimane. 
Detto ciò, a latere, le suggerisco appena le sarà possibile riprendere il percorso psicoterapeutico perchè è dimostrato che associare la farmacoterapia alla psicoterapie garantisce migliori risultati e soprattutto più duraturi nel tempo. 
Non manchi di aggiornarmi nei prossimi mesi, se vorrà tornando a scrivere qui.
La saluto cordialmente
Federico Baranzini


La tua risposta