Brintellix per l’insonnia e l’ansia generalizzata

Brintellix per l’insonnia e l’ansia generalizzata

Forum Domande & RisposteCategoria: Disturbi d’Ansia e Attacchi di PanicoBrintellix per l’insonnia e l’ansia generalizzata
MARIO ha scritto 3 mesi fa
Buon giorno dottore

ho 46 anni, circa un anno fa ho sofferto di un insonnia  e conseguente ansia generalizzata. Da premettere che ho sempre sofferto di insonnia ma in modo molto sporadico e mai con ansia, probabilmente il carattere ansioso ed i turni ha influito con il tempo l’aggravante. Per 10/15 anni circa risolvevo con qualche goccia 20/35 di EN tipo una volta al mese. A periodi anche 1 a settimana.

Ma dall’inizio pandemia ad oggi  la cosa è cambiata , quest’equilibrio si è rotto. È iniziata un insonnia molto forte ,nel senso che non riuscivo ad addormentarmi e questo scaturiva ansia e attacchi di panico. Sono andato da uno psichiatra , neurologo che mi ha dato una cura iniziale con Brintellix il pomeriggio 9 goccie e la sera Stilnox 10 mg e Lorans 2,5 mg. Dopo qualche mese di cura ho risolto l’insonnia e stavo meglio anche con l’ansia per cui  ho interrotto il brintellix su indicazione del medico ed ho continuato con gli altri due.

Ad ora sto proseguendo con Stilnox e Lorans.

È un anno che li prendo. Il medico dice che non ci sono forti controindicazioni e che quando sarò pronto posso iniziare a ridurre di mezza compressa ogni 20gg. Ho provato a toglierli più volte ma mi risulta molto difficile anche togliere 1/2 sono molto preoccupato e sta cosa mi mette ansia. Di certo non vorrei prenderli a vita. Sono uno sportivo ed ho un alimentazione sana per questo credo che riesca a smaltire bene le compresse e per ora a non avere effetti collaterali. Questo è un mio pensiero.

Ho fatto anche psicoterapia ed ho imparato a gestire l’ansia , visto che è l’unica cosa che è rimasta , molto blanda che si trasforma ma non sparisce. Questo è il motivo per cui non ho ancora la forza per togliere le compresse.

Nell’attesa di un vostro consiglio la ringrazio e le porgo i miei più cordiali saluti .


1 Risposte
dr Federico Baranzini Staff ha risposto 3 settimane fa

Gentile Mario
la ringrazio per il suo contributo.

Se ho compreso lei lavora su turni e da sempre soffre di insonnia e ansia. Nella mia esperienza clinica ho avuto diversi pazienti che lavoravano su turni e tutti avevano problemi di insonnia e ansia.

Credo sia anche banale sottolineare la relazione che esiste tra l’avere una vita con ritmi circadiani alterati, non fisiologici, a cui cercare -a volte per tutta la vita- di abituare l’organismo perché si lavora su turnistica e l’insorgenza di sintomi come quelli da lei accusati. Il non avere un buon riposo, che non è solo l’avere garantite un numero minimo di ore di sonno ma anche una buona qualità del riposo, incide moltissimo sulla qualità di vita di un soggetto e questo lo dicono tantissimi studi al riguardo.

I farmaci stilnox e lorans sono farmaci induttori del sonno e ansiolitici, vengono metabolizzati dal fegato e dai reni. Il lorans in particolare viene eliminato così come è senza effetti di passaggio epatico. Questo lo specifico per cercare di tranquillizzarla sulla loro presunta pericolosità. E’ vero che andrebbero usati per periodi di tempo contingentati ma ai dosaggi che usa lei non dovrebbero esporla a rischi significativi per la salute. La sua non sembra essere una dipendenza fisica quanto piuttosto psicologica.

Ci lavori su con il suo terapeuta e implementi altre forme di contenimento dell’ansia come lo sport. A molti miei pazienti consiglio spesso la piscina per il potente effetto rilassante indotto dal contatto prolungato con l’acqua. Un mio paziente era riuscito a dimezzare il dosaggio di alprazolam, un farmaco ansiolitico, andando tre volte la settimana in piscina.

Ovviamente rimarrebbe sempre il “tallone d’Achille” rappresentato dal suo lavoro su turni…

Un cordiale saluto

Federico Baranzini


La tua risposta